Informazioni Generali

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

L’U.T.I.N. è un Livello IIIB e si rivolge ai neonati della provincia di Bari e delle province e regioni limitrofe affetti da patologie che necessitano di terapia intensiva e sub intensiva.

L’équipe neonatologica si avvale di professionalità esperte nel campo di counseling, infettivologia, alimentazione ed ecografia.

La gestione del neonato in U.T.I.N. viene eseguita con il supporto di tecnologie innovative di ultima generazione. Tutte le nostre procedure sono precedute da efficaci tecniche di riduzione del dolore e dello stress del neonato. Limitare al massimo tutte le procedure stressanti per il neonato (luci intense, rumori, manipolazioni, procedure dolorose) e, se necessario, concentrarle in periodi limitati della giornata. L’eliminazione o la riduzione del dolore costituiscono attività prioritarie nella nostra assistenza al neonato.

Nell’attesa che il prematuro possa alimentarsi in modo completo con il latte, il sostegno nutrizionale viene fornito per via parenterale. Alla nutrizione parenterale viene associata al più presto una nutrizione enterale minima che ha principalmente lo scopo di abituare l’intestino al latte. Durante il ricovero vengono eseguiti routinariamente controlli dell’Ecografia cerebrale (diagnosi precoce di emorragie cerebrali, leucomalacia periventricolare, malformazioni), dell’Ecocardiografia (malformazioni, persistenza del dotto, pressioni polmonari, ecc.), del fondo dell’occhio (diagnosi precoce della retinopatia del prematuro), dell’EEG. La diagnostica viene completata da tutte le specifiche indagini che caso per caso si rendono necessarie.

È obiettivo del personale medico/infermieristico coinvolgere i genitori in un percorso di conoscenza dello stato di salute e dell’iter diagnostico e assistenziale intrapreso. Appena le condizioni cliniche lo permettono, viene instaurato un contatto più stretto e prolungato skin to skin tramite la marsupioterapia.

I principali attori di questo percorso sono i genitori e il loro bambino, efficacemente sostenuti dal personale infermieristico che con l’esperienza e la presenza costante costituisce il più importante riferimento per la famiglia.

Il latte materno costituisce il miglior alimento anche per il neonato pretermine, il quale, non appena è in grado di succhiare efficacemente, si può attaccare direttamente al seno della mamma unendo i benefici del contatto a quelli dell’allattamento.

La struttura è affiliata al registro neonatologico internazionale (Vermont-Oxford Network) che permette il raffronto delle attività delle neonatologie regionali, italiane e mondiali.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.